Una delle mete europee più belle e ricche di attrattive, l’affascinante capitale ungherese merita sicuramente di essere visitata.

Se vorrai trascorrerci un weekend all’insegna della scoperta della storia e dei monumenti della città, non potrai restare deluso!

Ecco le più belle cose da vedere in un breve, ma intenso soggiorno della durata di un weekend a Budapest, città nata dall’unione di tre borghi – Buda, Pest e Obuda – e attraversata dal Danubio.

Il quartiere di Buda e i suoi tesori

Il quartiere di Buda sorge su un colle e rappresenta il più antico nucleo abitativo della città di Budapest. Risulterà molto suggestiva una passeggiata tra le stradine della città vecchia, che evoca ancora un’atmosfera medievale grazie all’ottimo stato di conservazione delle mura difensive e dei particolari scorci che offrono i vicoli del centro.

Troneggia sulla città l’imponente Palazzo Reale, o Castello di Buda, che ospita al suo interno diversi enti culturali, tra cui la Galleria Nazionale, la Biblioteca Nazionale e il Museo di storia di Budapest.

A poca distanza dal castello, sorge il Bastione dei Pescatori, una fortezza novecentesca in stile neoromanico e neogotico che si trova in un punto da cui è possibile godere di una favolosa vista sul Danubio e su Pest.

Nei pressi del Bastione dei Pescatori si trova la Chiesa di Mattia Corvino, intitolata al re ungherese che la fece costruire, che si caratterizza per i suoi tratti gotici e severi. Gli interni sono riccamente abbelliti da affreschi, decorazioni murali e alte vetrate.

Il quartiere di Pest

Il quartiere di Pest si contrappone a Buda per i suoi tratti più moderni e dinamici.

Qui si trova uno degli edifici più belli di Budapest, cioè il Palazzo del Parlamento ungherese, uno dei palazzi parlamentari più grandi al mondo. La facciata frontale del palazzo si affaccia sul Danubio e riunisce in sé diversi stili che esprimono un’architettura unica e maestosa. Gli interni sono arricchiti da opere d’arte di inestimabile valore e particolarmente interessante è la visita della Sala della Cupola, dove è esposta la corona di Re Santo Stefano.

I bagni termali di Budapest

Budapest è anche famosa per le sue terme. I primi a sfruttare le benefiche acque della capitale ungherese furono gli antichi Romani. Anche i Turchi, quando sopraggiunsero nel XVI secolo, costruirono dei grandi bagni termali, alcuni dei quali sono ancora in uso.

Oggi sono innumerevoli le opportunità di godere dei benefici termali che offre questa città, per ritemprare mente e corpo.

Grande fascino evocano i Bagni Rudas, realizzati attorno alla metà del Quattrocento e alimentati da 18 sorgenti. Contribuiscono a rendere più suggestiva l’atmosfera i riflessi di luci e colori che filtrano attraverso la cupola.

Sonia Padula
Sono nata il 24 Maggio 1991. Laureata in filosofia, appassionata di arte, scrittura creativa e fotografia, ho deciso di creare il magazine turismoweekend.com. Cerco di far coincindere i miei impegni con le mie più grandi passioni.