Se c’è una città in Europa dalla forte anima cosmopolita, in continuo fermento artistico e culturale, quella è Berlino: il notevole patrimonio storico e artistico rendono la capitale tedesca una delle mete perfette per vivere un weekend intenso ed emozionate.

Tra passato e futuro

La storia tedesca, tra pagine rosee e drammatiche, ammanta Berlino che, pur con un costante sguardo al futuro, non dimentica e anzi custodisce le proprie radici. La stessa Porta di Brandeburgo, che oggi domina la vivace Pariser Platz, è simbolo della guerra fredda e di quel periodo in cui la città era divisa dal muro, abbattuto poi nel 1989: della barriera resta in piedi circa 1 km nell’East Side Gallery, le cui facciate sono ricoperte di murales che hanno fatto la storia, quali quello rappresentante la macchina Trabi che sfonda letteralmente il muro e soprattutto il leggendario Bacio, peraltro realmente avvenuto, tra Brezhnev e Honecker.

A due passi dalla Porta di Brandeburgo, con le sue dodici colonne che sorreggono la quadriga guidata dalla dea della Vittoria, sorge il Memoriale dell’Olocausto, sito sulle antiche proprietà del ministro della propaganda del terzo Reich, Goebbles: le 2711 colonne di cemento, di altezze differenti, creano un labirinto che disorienta il visitatore, regalandogli quel senso di solitudine che hanno vissuto le vittime della Shoah.

Dal Memoriale si raggiunge facilmente Potsdamer Platz, dove spiccano il Sony Center, con la sua copertura in acciaio multicolore, e la Kollhoff Tower con l’ascensore più veloce al modo: si pensi che in soli 20 secondi l’elevatore copre una distanza di 100 m.

Alla scoperta dei Musei berlinesi

Un weekend a Berlino non può non includere una visita all’interessante quartiere del Mitte: raggiungibile dalla Porta di Brandeburgo si percorre, all’ombra dei tigli, il viale Unter Den Linden, lungo il quale si incontra peraltro l’Università di Humboldt frequentata Karl Marx. Cuore pulsante del Mitte è senza dubbio l’Alexanderplatz dove, oltre all’orologio Urania Weltzeituhr che segna l’ora delle più importanti città al mondo, spicca la Telesparger, una torre a forma di obelisco che termina con una sfera di acciaio: imperdibile una sosta al ristorante panoramico Sphere che, da un’altezza di 203 m, ruota su sé stesso ogni mezz’ora regalando una vista indimenticabile di tutta Berlino.

Presso il quartiere di Mitte si trova poi Museumsinsel ovvero l’isola dei Musei, lambita dalle acque del fiume Sprea e dichiarata Patrimonio dell’UNESCO. Il fiore all’occhiello dell’isola è certamente il Pergamonmuseum dove è custodito lo straordinario altare di Pegaso risalente al II a.C., assieme alla porta di Mileto e a quella di Babilonia commissionata dallo stesso Nabucodonosor per la dea Ishtar. C’è poi l’Altes Museum, dedicato all’arte etrusca, greca e romana e il Bode-Museum con reperti che vanno dal medioevo fino al XVIII secolo e una importante collezione di monete antiche. La visita all’Isola dei Musei di Berlino continua poi con il Neues Museum, dedicato all’arte egizia e custode di reperti preziosi quali papiri e il meraviglioso busto in pietra di Nefertiti, per poi concludersi con la Galleria Nazionale.

Tiziano Pacioni
Impiegato di professione, viaggiatore per passione. Sempre alla ricerca di nuove culture e luoghi da scoprire. Insieme alla mia fotocamera cerco di catturare le emozioni che mi suscita una determinata meta.